Vivere e pagare le tasse in Irlanda

L’Irlanda è stata tradizionalmente una popolare destinazione di pensionamento e un rifugio per scrittori e artisti attratti dall’esenzione fiscale qui disponibile. Tuttavia, dal 2007 questa esenzione dall’imposta sul reddito è stata ridotta e si applica ora a un limite di 50.000 euro.

L’Irlanda non è certamente uno dei paradisi fiscali nulli e rientrerebbe saldamente nella categoria delle “basse tasse”. Gli irlandesi riscuotono l’imposta sul reddito e l’imposta sulle plusvalenze (33%) e c’è anche l’imposta di successione. Ciò premesso, proviamo a saperne di più.

Imposta sul reddito

Per i contribuenti single, l’imposta sul reddito è applicata al 20% sui primi 35.300 € e al 40% sul saldo. Ci sono crediti d’imposta personali che possono essere dedotti dall’imposta dovuta – questi variano a seconda della situazione specifica

C’è anche una tassa sociale universale: 0,5% sui primi 12.012 euro del reddito annuale, 2,5% sui successivi 8.675 euro, 4,5% sui successivi 49.357 euro e 8% sul saldo. Un supplemento del 3% si applica alle persone che hanno un reddito da lavoro autonomo superiore a 100.000 euro, indipendentemente dall’età. L’onere sociale universale è limitato al 2,5% per chi ha più di 70 anni e possiede una tessera sanitaria, il cui reddito per l’anno è pari o inferiore a 60.000 euro.

Individui non domiciliati

Le aliquote fiscali in Irlanda sono piuttosto alte, ma ci sono benefici fiscali per gli individui che non sono domiciliati. In effetti, una persona “straniera” residente in Irlanda ha solo bisogno di pagare le tasse sul reddito portato in Irlanda (la cosiddetta base di rimessa), quindi la maggior parte del reddito potrebbe essere tenuta offshore per evitare di pagare qualsiasi imposta sul reddito.

Infatti, se si fa un’adeguata distinzione tra capitale e successivo reddito da capitale prima di prendere la residenza permanente (per esempio, usando conti di capitale e di reddito), potrebbe anche essere possibile vivere in Irlanda quasi completamente esentasse.

Questo trattamento fiscale favorevole era disponibile per i cittadini irlandesi che sono non -ordinariamente residenti (non residenti per almeno tre anni consecutivi), ma questa concessione è stata abolita nella legge finanziaria del 2010.

I cittadini irlandesi che tornano in Irlanda dopo un lungo periodo all’estero devono pagare le tasse sul loro reddito mondiale quando iniziano la residenza irlandese.

Dal 1° gennaio 2010, la base imponibile a rimessa è disponibile solo per gli individui che non sono domiciliati in Irlanda.

Status di residente irlandese

Il tuo status di residente ai fini fiscali irlandesi è determinato dal numero di giorni che trascorri nel paese durante l’anno fiscale.

Sarai classificato come residente irlandese se:

  • passi 183 giorni o più nel paese durante l’anno fiscale, o
  • si trascorrono 280 giorni o più in Irlanda per un periodo di due anni fiscali consecutivi. Sarà quindi considerato residente in Irlanda per il secondo anno fiscale.

Tuttavia, se si trascorrono 30 giorni o meno nel paese in uno dei due anni fiscali, quei giorni non saranno presi in considerazione per calcolare se si è superato il limite dei 280 giorni.

Individui con un alto patrimonio netto

Il Finance Act del 2010 ha introdotto un Domicile Levy di €200.000 per le persone facoltose che sono domiciliate in Irlanda, indipendentemente da dove vivono, e che hanno:

  • debito d’imposta sul reddito irlandese inferiore a 200.000 euro e
  • reddito mondiale superiore a €1 milione, e
  • capitale situato in Irlanda valutato in 5 milioni di euro o più

Imposta sulle società

Il regime fiscale irlandese per le società è uno dei più attraenti al mondo grazie a una combinazione di basse aliquote fiscali e molti trattati fiscali che le società residenti in Irlanda possono sfruttare.

Le società irlandesi sono tassate sul reddito commerciale ad un tasso di appena il 12,5%. Questo si applica solo al reddito commerciale e l’aliquota applicata al reddito non commerciale è del 25%.

Questo è uno dei tassi più bassi dell’imposta sulle società in Europa, appena dietro l’Isola di Man e le Isole del Canale, che attualmente hanno un tasso dello 0%, e alcuni paesi dell’Europa orientale che hanno un tasso del 10% di imposta sulle società. È una delle più basse in qualsiasi economia sviluppata del mondo. Quindi non è sorprendente che il settore offshore dell’Irlanda abbia avuto un boom.

Come ci si aspetterebbe, l’Irlanda è sulla ‘lista bianca’ dell’OCSE e ha numerosi accordi di scambio di informazioni a fini fiscali. L’Irlanda è stata una scelta alternativa ‘offshore’ molto popolare per molte multinazionali, che hanno trasferito alcune delle loro operazioni a società irlandesi per ridurre le loro aliquote fiscali effettive complessive. L’Irlanda offre quindi opportunità di risparmio fiscale sia a livello aziendale che personale.

Vivere in Irlanda

Per quanto riguarda il vivere e lavorare in Irlanda, i cittadini dell’UE non hanno bisogno di un permesso di residenza o di lavoro, ma i residenti della maggior parte dei paesi non UE (ad eccezione di Stati Uniti, Australia e Canada) avranno bisogno di un permesso di residenza e di lavoro.

Un’altra ragione per cui l’Irlanda è stata una scelta popolare tra gli espatriati dell’UE è che non ci sono restrizioni sull’acquisto di proprietà (a differenza di molti altri paradisi fiscali).

Il clima è mite, il paese ha ottimi collegamenti di trasporto e comunicazione e il livello di criminalità, in particolare quella violenta, è basso.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web