Come vivere a Monaco?

Situata sulla splendida Costa Azzurra, probabilmente non c’è paradiso fiscale più famoso di Monaco. D’altronde, non c’è imposta sul reddito o sui guadagni di capitale a Monaco – la tassa principale è una tassa sui profitti d’impresa che viene applicata a certe società (ma la maggior parte degli espatriati strutturano i loro affari in modo da evitarla).

C’è anche una tassa di successione, ma ci sono due grandi esenzioni che limitano la sua applicazione nella pratica. In primo luogo, l’imposta è pagabile solo sui beni situati a Monaco e in secondo luogo l’aliquota dipende da quanto sono vicine le parti. Più stretta è la relazione, più bassa è l’aliquota dell’imposta di successione.

Le aliquote da pagare per la successione sono invece le seguenti:

  • Moglie, genitori e parenti in linea diretta 0%
  • Fratelli e sorelle 8%
  • Zii, zie, nipoti 10%
  • Altri parenti 13%
  • Persone non imparentate 16%

Quindi i beni lasciati al coniuge o ai figli possono essere trasferiti senza tasse di successione.

Monaco è ben noto come una meta preferita per ricchi e famosi. Ha un tempo splendido, negozi e alberghi esclusivi ed è un posto fantasticamente sicuro in cui vivere.

Come ci si aspetterebbe, il tenore di vita è estremamente alto, ma lo sono anche i costi della vita!

Comprare una proprietà a Monaco è semplice in teoria, dato che non ci sono restrizioni per i non residenti. In pratica la maggior parte delle proprietà decenti sono troppo costose per l’espatriato medio. Un recente sondaggio sui prezzi degli immobili dell’UE ha rilevato che Monaco ha i prezzi più alti di tutta l’Europa.

 La maggior parte dei residenti vive in appartamenti e i migliori di questi vanno per diversi milioni di euro. Recentemente ho visto un monolocale andare a circa 1,5 milioni di euro – non una grande soluzione per una coppia con bambini piccoli, ma forse vale la pena considerare se sei libero e single.

Se stai cercando una villa o una casa decente nel principato, tieniti pronto per un’operazione a portafoglio aperto. Potresti finire per pagare fino a 35 milioni di euro.

La vera attrazione di Monaco come paradiso fiscale è la sua posizione geografica e il suo stile di vita. A differenza di molti paradisi fiscali che sono situati in mezzo al nulla, Monaco è solo a breve distanza da diverse grandi città europee.

L’accesso alle banche e ai servizi finanziari è eccellente, come ci si aspetterebbe visto il numero di abitanti mega-ricchi.

Come ottenere la residenza a Monaco

Ottenere la residenza a Monaco non è così difficile come ci si potrebbe aspettare, a condizione di avere beni e redditi sufficienti.

Ci sono fondamentalmente tre modi per ottenere un permesso di residenza: stabilendo un’attività a Monaco, diventando un dipendente di una società monegasca o ritirandosi lì.

Per la maggior parte degli immigrati facoltosi, quest’ultima categoria è la più rilevante, poiché si applica a chiunque non sia coinvolto in un’attività commerciale o imprenditoriale.

Se siete residenti nell’UE, per ottenere un permesso di soggiorno (carte de séjour) dovete rivolgervi alla sezione dei residenti stranieri della Sûreté Publique di Monaco. Dovrete mostrare la prova di un alloggio (per esempio, un contratto d’affitto o un titolo di proprietà) e una prova della vostra situazione finanziaria (per esempio, una referenza bancaria).

Le domande richiedono da uno a due mesi. Se hai successo, otterrai un permesso di soggiorno, che inizialmente è valido per 12 mesi. Se non sei residente nell’UE, il processo è solo leggermente più complesso, poiché dovrai prima ottenere un visto, che comporta più o meno gli stessi requisiti per ottenere un permesso di soggiorno.

Mentre non c’è un’imposta sul reddito personale a Monaco (tranne che per i cittadini francesi in alcune circostanze), le società stabilite a Monaco devono, in teoria, pagare una tassa sugli utili d’impresa ad un tasso del 26,5% (per il 2021) dopo cinque anni di attività (durante i primi anni pagano una tassa ad un tasso inferiore, che aumenta annualmente su una scala mobile).

In pratica ci sono, tuttavia, una serie di eccezioni alla tassa sugli utili d’impresa, tra cui:

  • le imprese che non sono coinvolte nella detenzione di proprietà intellettuale o in certe attività commerciali (questo esenterebbe i telelavoratori)
  • le imprese che sono coinvolte in attività industriali e commerciali, il 75% o più del loro reddito proviene da Monaco, e
  • le entità non residenti in qualsiasi settore di attività. La residenza è determinata dalla residenza degli amministratori, degli azionisti e dal luogo delle riunioni del consiglio di amministrazione.

Un regime d’incentivi rende Monaco una buona scelta per l’ubicazione degli uffici amministrativi di società straniere che svolgono funzioni di gestione, di coordinamento o di controllo a beneficio esclusivo del loro gruppo. Le sedi sono soggette a un’aliquota fiscale del 2,48% (che si riduce al 2% nel 2022). Se si crea un’impresa e si impiega del personale a Monaco ci sarà da pagare l’assicurazione nazionale, che è relativamente alta, con il datore di lavoro che in media paga circa il 27% degli stipendi come pagamento della sicurezza sociale.

Non ci sono ritenute alla fonte nel Principato.

Monaco permette l’uso di trust, tuttavia questi possono essere stabiliti solo dai residenti di Monaco.

Nel complesso, comunque, Monaco è una scelta eccellente per gli espatriati molto ricchi che vogliono vivere nel cuore dell’Europa e non pagare tasse.

Aiutato dalle nuove regole per la residenza in Andorra, Monaco può essere economico come il suo principale concorrente in Europa con il netto vantaggio di essere vicino al sistema di trasporto europeo, compresa la rete ferroviaria e un aeroporto internazionale.

Con Andorra che richiede un investimento minimo di 400.000 euro in titoli di stato o l’acquisto di una proprietà di Andorra per quel valore, o un mix dei due, come può Monaco competere per attrarre coloro che cercano un paradiso fiscale in Europa?

La risposta sta nel modo in cui il richiedente si avvicina alla residenza e alla proprietà a Monaco, e per quanto tempo ha bisogno di un paradiso fiscale.

Dato che molti di coloro che vogliono trasferirsi in una giurisdizione a bassa tassazione ne hanno bisogno solo per cinque o sei anni prima di poter tornare a casa, la risposta è nell’affitto, e nella scelta di una delle banche monegasche che prende un basso deposito iniziale per garantire un certificato che dimostri che il richiedente ha fondi sufficienti per essere in grado di badare a se stesso finanziariamente.

Quanto costano le case a Monaco

Un appartamento con una camera da letto in un edificio relativamente buono con vista sul Mediterraneo e un posto auto costerà circa 3.000 euro al mese – per due camere da letto gli affitti attuali partono da circa 5.500 euro al mese.

Parte dell’essere accettati come residenti a Monaco è dimostrare la capacità di mantenersi finanziariamente, e questo viene fatto ottenendo un certificato da una delle banche monegasche che dimostra che è stato fatto un deposito.

Diverse banche chiedono vari importi, e questi possono variare ampiamente da banca a banca, ma una delle principali è in grado di produrre il certificato con un deposito di 100.000 euro.

Così, per qualcuno che vuole la residenza a Monaco, il costo totale dell’affitto di un appartamento con una camera da letto per cinque anni sarebbe di 180.000 euro più 100.000 di deposito per la banca (che il richiedente conserva).

O per un appartamento con due camere da letto 330.000 euro, di nuovo più 100.000 euro di deposito che è restituibile quando la residenza viene revocata.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web