Viaggio nella storia di Shanghai

Se il tuo interesse è quello di scoprire la storia di Shanghai, un buon punto di partenza è quello di visitare il più antico spazio verde della città, il Giardino Yu. Situato a nord-est della città vecchia, realizzato nel 1559, è anche conosciuto anche come il Giardino della Felicità ed è un vasto spazio verde copre un’area di più di 20.000 metri quadrati e consiste in un giardino esterno e uno interno.

La sezione più antica è il giardino esterno, con ulteriori modifiche apportate nel XVIII secolo quando fu aggiunto il Sansui Tang, la sala principale del parco. Questo imponente edificio è degno di nota per i suoi deliziosi ornamenti sul tetto, le rappresentazioni figurative in bassorilievo e le aperture delle finestre, così come le sue pareti ornate di draghi.

L’edificio più conosciuto è la Sala della Primavera, dove la Compagnia delle Piccole Spade (Xiaodao Hui) aveva il suo quartier generale tra il 1853 e il 1855 quando governava Shanghai. Di grande importanza storica sono le rocce artificiali in questa parte del giardino, l’unico lavoro del maestro progettista di giardini Zhang Nanyang che è stato conservato.

Anche il più recente e molto più piccolo giardino interno è da vedere. Risalente al 1709, include caratteristiche tipiche di un giardino classico cinese: piccoli padiglioni attraenti, pietre decorative e catene montuose in miniatura, muri divisori e piccoli stagni, e persino un palco teatrale riccamente decorato.

Quindi, non si può che dare uno sguardo alle statue del Tempio del Buddha di Giada. Situato nel quartiere Anyuan Lu di Shanghai, il bellissimo Tempio del Buddha di Giada ospita due statue di Shakyamuni, che il monaco Huigen portò con sé dalla Birmania. L’edificio attuale, eretto nel 1928 per sostituire il tempio originale costruito nel 1882, è diviso in tre sale e due cortili.

La struttura più impressionante è la splendida Sala dei Re del Cielo (Tian Wang Dian), notevole per le sue statue dei quattro re celesti e due sculture di Shakyamuni. Scolpita in giada bianca, una di queste imponenti statue si trova a quasi due metri di altezza nella sala principale Wentang, dove è anche conservata una collezione di manoscritti buddisti (la statua più piccola si trova nel cortile occidentale).

È interessante anche l’affascinante Sala del Grande Eroe (Daxiong Baodian) con i suoi Buddha delle Tre Età, insieme a 18 figure di Luohan. Un altro dei molti importanti siti buddisti di Shanghai è lo splendido Tempio di Jing’an su Nanjing West Road.

 

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web