Dubai, tra storia e modernità

Dubai è uno dei pochi posti al mondo in cui storia e modernità coesistono in maniera così emblematica. Se tuttavia interessa più la prima che la seconda, non puoi che iniziare con una bella passeggiata nel quartiere Al Fahidi (precedentemente conosciuto, e a volte ancora chiamato Bastakia), costruito alla fine del 19° secolo per essere la casa di ricchi mercanti persiani che si occupavano principalmente di perle e tessuti e sono stati attirati a Dubai a causa del commercio esentasse e dell’accesso al Dubai Creek. Al Fahidi occupa la parte orientale di Bur Dubai lungo l’insenatura, e gli edifici di corallo e calcare qui, molti con le pareti sormontate da torri del vento, sono stati ottimamente conservati.

Le torri del vento fornivano alle case qui una prima forma di aria condizionata – il vento intrappolato nelle torri era incanalato giù nelle case. I mercanti persiani hanno probabilmente trapiantato questo elemento architettonico (comune nelle case costiere iraniane) dalla loro patria al Golfo. Fiancheggiate da una distinta architettura araba, le strette stradine sono molto evocative di un’epoca passata e molto più lenta nella storia di Dubai.

All’interno del quartiere è visibile la Galleria Majlis, con la sua collezione di ceramiche e mobili arabi tradizionali (ospitata in una torre del vento) e la Fondazione Culturale Al Serkal, con un negozio, un caffè e mostre d’arte a rotazione (situata in uno degli edifici storici).

Quindi, ti consigliamo di andare ad ammirare la residenza dello sceicco Saeed Al Maktoum, che è stato il sovrano di Dubai dal 1921 al 1958 e nonno dell’attuale sovrano. La sua ex dimora è stata ricostruita e restaurata come un museo che è un bell’esempio di architettura araba. La casa originale fu costruita nel 1896 dal padre dello sceicco Saeed, in modo da poter osservare l’attività marittima dai balconi.

Fu demolita, ma la casa attuale fu ricostruita vicino al sito originale, rimanendo fedele al modello originale incorporando porte di tek intagliate, schermi di legno a traliccio attraverso le finestre, e schermi di ventilazione di gesso con disegni floreali e geometrici. Trenta stanze sono costruite intorno a un cortile centrale con dettagli di torri del vento in cima. All’interno ci sono le esposizioni del Dubai Museum of Historical Photographs and Documents, con molte meravigliose vecchie fotografie di Dubai del periodo tra il 1948 e il 1953.

L’ala marina del museo ha foto di pesca delle perle e costruzione di barche. In tutto l’edificio ci sono molte lettere, mappe, monete e francobolli che mostrano lo sviluppo dell’Emirato. Nelle vicinanze si trova la Sheikh Obaid bin Thani House, restaurata con esposizioni di interni tradizionali.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web