Un giro fra i borghi del Piceno

Nelle Marche, nei pressi della Riviera delle Palme, non ci si gode solo il mare, ma anche ciò che nascondono le colline.

jeans donnaSe siete in coppia e in vacanza in questa bellissima zona delle Marche, una giornata dovrebbe essere dedicata alla visita di tre borghi molto suggestivi del Piceno, raggiungibili percorrendo circa 25 km verso l’entroterra si suggestivi del Piceno: Monteprandone, Offida e Castignano. Indossando jeans da donna comodi per lei e un bermuda per lui… iniziamo il tour che si rivelerà un’ottima occasione per conoscere altri tesori dello “Stivale”.

Il primo borgo che troviamo sul nostro tragitto si chiama Monteprandone, che sorge su una collina. Le case e gli edifici sono in stile medievale e tutto intorno il paese è circondato da una fitta campagna, vigneto e campi di grano giallo.
Entrando nel borgo si può visitare una caratteristica piazza, che si trova proprio in cima al paese. Il turista a Monteprandone non può non apprezzare le sue chiese antiche dall’alto valore storico. Altra visita assolutamente consigliata è quella del Museo dei Codici.
Una giornata a Monteprandone deve necessariamente prevedere anche un pranzo nei ristoranti tipici.

Il Museo dei Codici si trova all’interno del complesso che ospita anche la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, che si trova a metà strada tra Centobuchi ed il paese alto. All’interno del complesso si può visitare anche la libreria istituita nel convento ai tempi da San Giacomo, che fece costruire la Chiesa. Nella libreria si trovano importanti opere di autori come Cicerone, Seneca e Sant’Agostino (sermoni, compendi, epistole etc…)

offidaL’altro borgo è senz’altro Offida, che si sorge su uno sperone roccioso tra i due bracci del torrente Lama. Già la posizione vale al piccolo borgo la particolarità di cui può vantarsi.

Ad Offida si può apprezzare la chiesa in stile romanico, Santa Maria della Rocca, uno dei maggiori monumenti della regione, che si trova in una posizione molto particolare. La chiesa è infatti circondata su tre lati da un dirupo.

Un altro “monumento”, che si trova nella piazza principale e che vale la pena vedere, è il Teatro Serpente Aureo. L’edificio risale al 1820 e conserva la facciata della vecchia casa comunale, un portico quattrocentesco molto elegante.

E come non visitare il Museo del Merletto che si trova all’interno di palazzo De Castellotti – Paganelli. All’interno è possibile ammirare i lavori al merletto antichi e moderni, ma anche l’abito di alta moda realizzato nel 1997 ed indossato per una sfilata a Londra da Naomi Campbell.

E concludiamo il nostro piccolo tour digitale con il borgo di Castignano “patria” della la più antica iscrizione italica fino ad oggi mai rinvenuta: la Stele di Castignano. Il prezioso reperto si trova custodito nel Museo Archeologico di Ascoli Piceno ed è il masso di arenaria ritrovato nel 1890 nella zona di Montecalvo. La stele, di origine funeraria, riporta inciso il più remoto alfabeto italico fino ad oggi rinvenuto.

Fra gli eventi più particolari di Castignano, un appuntamento degno di nota è “Templaria”, celebre rievocazione storica medievale che si tiene ogni agosto e che propone uno spaccato di vita dell’epoca tra banchetti, teatro, musica, mostre, convegni e taverne con piatti tipici medievali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi