L’uso della tecnologia touchless negli aeroporti

A causa della crisi da coronavirus, si prevede che gli aeroporti passeranno alla tecnologia touchless ad un ritmo molto più rapido.

Stiamo assistendo a cinque anni di innovazione in cinque mesi, e gran parte dell’impatto sarà permanente“, ha detto Ibrahim Ibrahim Ibrahim, l’amministratore delegato di Portland Design, una società di consulenza di design con sede a Londra che si occupa di hub di transito e aeroporti. “Assisteremo a un’adozione del turbo su check in, sicurezza e imbarco con tecnologia “zero-touch check in, sicurezza e imbarco”.

Per verificare l’identità dei passeggeri, le patenti di guida e i passaporti vengono sostituiti con il riconoscimento facciale e la biometria a scansione dell’iride. Il primo terminal biometrico degli Stati Uniti è stato aperto nell’aeroporto internazionale di Hartsfield-Jackson Atlanta, in Georgia, alla fine del 2018. Ricerche di terze parti mostrano che il 72% dei clienti ha preferito l’imbarco biometrico rispetto all’imbarco standard, e meno del 2% dei clienti ha optato per l’esclusione dal processo, secondo il sito web di Delta.

Delta ha esteso le sue pratiche di riconoscimento facciale dell’imbarco agli aeroporti di Detroit, Minneapolis e Salt Lake City“, ha dichiarato lo stratega del design Devin Liddell, che lavora con i clienti dell’aviazione e dei viaggi. “United Airlines sta testando i programmi dei piloti a San Francisco, Washington Dulles e Houston”. Lo stesso ritmo di test e di diffusione della biometria è in corso a livello internazionale negli aeroporti di Canada, Giappone, Italia, Spagna e Islanda, ha detto Liddell. Ma come?

Il vostro telefono cellulare diventerà il vostro telecomando per gestire i vostri viaggi“, ha detto Andrew O’Connor, vice presidente della gestione del portafoglio di Sita, una società di tecnologia del trasporto aereo. “Oggi, è possibile interagire con un chiosco per il check-in o il deposito bagagli attraverso il telefono, eliminando il contatto con le superfici. Tuttavia, a lungo termine, la vostra identità digitale viene memorizzata sul vostro cellulare”.

Sita prevede che le esperienze in aeroporto saranno quelle a piedi, dove le identità vengono verificate in pochi secondi e i passeggeri sono tenuti in costante movimento. La sua tecnologia Smart Path viene utilizzata negli aeroporti di Atene, Brisbane, Doha, Muscat, Orlando, Miami e Boston.

L’aeroporto internazionale di Dubai ha un “tunnel intelligente” che utilizza la biometria per accelerare il controllo dell’immigrazione. Con esso, i passeggeri possono effettuare il controllo dell’immigrazione in 15 secondi.

L’anno scorso, più di 12 milioni di passeggeri hanno usato i cancelli intelligenti e il tunnel biometrico per il controllo dei passaporti“, ha detto Liddell. “Altri aeroporti hanno aspirazioni simili e ne seguiranno l’esempio”.

I punti di controllo degli aeroporti possono assumere diverse forme, da tunnel e giardini a passerelle automatizzate. E saranno più importanti che mai sulla scia di Covid-19 perché “le code di sicurezza sono l’antitesi della distanza fisica”, ha detto Liddell.

E che dire dell’ammucchiamento di persone che si aggirano intorno agli agenti del cancello prima che le loro file o categorie vengano chiamate? Le compagnie aeree possono utilizzare le notifiche dei telefoni cellulari per chiamare tranquillamente i clienti per l’imbarco.

Portiamo le persone al gate troppo presto“, ha detto Liddell. “Questo accade perché i passeggeri non possono prevedere adeguatamente quanto tempo ci vorrà per manovrare i processi di controllo di sicurezza, e anche perché le compagnie aeree comunicano in modo più affidabile al gate rispetto ai mezzi digitali”. Egli prevede che nell’era post-Covid-19, affollando tutti al gate si sentirà “sempre più insostenibile”, costringendo gli aeroporti a trovare il modo di riunire i passeggeri appena prima dell’imbarco.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web