Una guida a Abu Simbel

Il più magnifico dei monumenti costruiti da Ramses II, Abu Simbel, è sia l’esempio perfetto dell’ambizione del regno di questo faraone che un’illustrazione modello per l’ingegneria moderna. L’intero tempio è stato trapiantato dalla sua posizione originale e sollevato pezzo per pezzo nel suo sito attuale da un team internazionale dell’UNESCO che ha lavorato contro il tempo per preservarlo dall’inondazione della diga di Assuan negli anni ’60.

Le colossali statue di pietra che abbelliscono la facciata sono il tentativo del faraone Ramses II di raggiungere l’immortalità e… ha funzionato, considerato che oggi i visitatori affollano numerosi in questa destinazione, che si trova a 280 chilometri a sud di Assuan.

Ciò premesso, la prima cosa che vedrai arrivando a Abu Simbel è un ampio cortile principale, di fronte al tempio. Dal piazzale, una scalinata conduce alla terrazza di fronte al tempio. Se guardi a destra e a sinistra, appena prima della rampa, vedrai due nicchie, che probabilmente contenevano vasche per le abluzioni rituali. Nelle nicchie ci sono stele raffiguranti Ramses II che fa offerte.

Lungo la parte anteriore della terrazza c’è un fregio decorativo che ritrae i rappresentanti di molte persone diverse che fanno obbedienza al faraone. Davanti alla balaustra, che ha un’iscrizione dedicatoria che corre per tutta la sua lunghezza, ci sono figure di falchi alternate a piccole statue di Ramses II. Le figure all’estremità sud della balaustra sono state probabilmente distrutte dal crollo della parte superiore del secondo dei colossi.

In tal proposito, è evidente come una delle cartoline più riconoscibili del sito siano le quattro figure colossali scavate nella roccia solida che sorvegliano la massiccia facciata del tempio, alta 33 metri. Seduti su troni, questi Colossi alti 20 metri dai tratti finemente scolpiti e dall’armonia stilizzata rappresentano un Ramses II divinizzato. I due a sinistra raffigurano il faraone come Heka-tawi e Re-en-hekaw. I due a destra della porta mostrano Ramses II come Meri-Amun e Meri-Atum.

Le figure di Ramses portano la doppia corona d’Egitto e sono rappresentate con la barba formale a forma di vanga. Sul petto, sulla parte superiore delle braccia e tra le gambe, si possono vedere i cartigli reali. A destra e a sinistra di ogni statua e tra le loro gambe ci sono figure in scala più piccola ma ancora più grandi della vita, che rappresentano i membri della famiglia reale. A fianco del primo colosso ci sono le principesse Nebt-tawi (a sinistra) e Bent-anat (a destra), con una principessa senza nome tra le gambe, e a fianco del secondo colosso ci sono la madre del faraone, Tue (a sinistra), e sua moglie la regina Nefertari (a destra), con il principe Amen-herkhopshef tra le gambe.

Il grande ingresso ti condurrà poi nell’enorme sala ipostila, lunga 17,7 metri. È divisa in tre navate (quella centrale è due volte più larga delle altre due) da due file di quattro pilastri quadrati, e sui lati interni ci sono figure di Osiride alte dieci metri del faraone che tiene il flagello e il bastone. Le figure sul lato destro portano la doppia corona dell’Alto e Basso Egitto, mentre quelle a sinistra portano la corona dell’Alto Egitto. Un primo passo verso l’esplorazione di uno dei siti più affascinanti dell’Egitto!

 

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web