Ryanair pensa di tagliare 3.000 posti a causa del coronavirus

Come noto, il coronavirus ha impattato in maniera molto negativa sulle compagnie aeree e, tra di esse, Ryanair sta pensando di tagliare circa 3.000 posti di lavoro.

Negli ultimi giorni è infatti emersa la notizia secondo cui Ryanair sta negoziando con i suoi dipendenti e i sindacati tagli agli stipendi, congedi non pagati e fino a 3.000 posti di lavoro persi, poiché il coronavirus ha ridotto il numero di passeggeri della compagnia aerea di oltre 5 milioni.

Nei risultati di fine marzo, la compagnia irlandese ha dichiarato che i ricavi sono saliti a 8,49 miliardi di euro, con un aumento del 10% rispetto all’anno precedente. L’utile è aumentato del 13% a 1 miliardo di euro, escludendo una tassa di copertura del carburante.

Tuttavia, ha detto che la pandemia in corso e le successive restrizioni di viaggio suggeriscono che il prossimo anno sarà “difficile” per il vettore.  La maggior parte dei suoi aerei sono rimasti a terra da metà marzo e la compagnia prevede di riprendere quasi il 50% dei voli di linea nel secondo trimestre (tra luglio e settembre).

Ryanair, che ha dichiarato che non chiederà aiuti di Stato, ha affermato che il panorama competitivo sarà distorto a causa del sostegno governativo ad altre compagnie aeree in tutta Europa. “Noi … ci aspettiamo che il traffico su orari di volo ridotti sarà soggetto a sconti significativi sui prezzi, e alla vendita sottocosto, da parte di queste compagnie di bandiera con enormi casse da guerra di aiuti di Stato“, ha detto la compagnia lunedì.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web