Il turismo in Antartide sta diventando un problema serio

Anche se il “continente bianco” continua legittimamente ad essere il sogno di sempre più viaggiatori, il turismo in Antartide corre il rischio di avere un gravissimo impatto ambientale. Oltre ad inquinare e danneggiare gli animali terrestri, queste spedizioni, che costano fino a 15.000 euro e sono riservate ad una certa élite, minacciano la fauna marina di questo fragile ecosistema.

Di fatti, le barche turistiche provenienti da tutto il mondo portano sui loro scafi specie invasive nelle acque dell’Oceano del Sud. E questo è ciò che rivela uno studio recentemente pubblicato dal British Antarctic Survey e dall’Università di Cambridge.

Il dossier che si concentra sulle navi da pesca e da turismo che visitano regolarmente questa regione remota rivela che le navi che navigano al largo della costa antartica provengono da 1.500 porti di tutto il mondo. E questo è un contesto molto problematico, perché “quasi ogni luogo può essere una fonte potenziale di specie invasive [che] possono cambiare completamente un ecosistema“, ha detto il ricercatore Arlie McCarthy dell’Università di Cambridge. “Possono creare habitat completamente nuovi che renderebbero più difficile per gli animali antartici trovare il proprio posto dove vivere”.

I potenziali invasori includono qualsiasi specie marina che può attaccarsi allo scafo di una nave e sopravvivere al viaggio verso l’Antartide. Cozze, cirripedi, granchi e alghe sono di particolare preoccupazione perché si attaccano agli scafi in un processo chiamato biofouling. Le cozze, per esempio, possono sopravvivere nelle acque polari e diffondersi facilmente, minacciando la vita marina sul fondo del mare. Il loro filtraggio dell’acqua altera la catena alimentare marina e la chimica dell’acqua intorno.

Le specie native dell’Antartide sono singolarmente fragili poiché “sono state isolate negli ultimi 15-30 milioni di anni“, dice David Aldridge, professore dell’Università di Cambridge. Le specie invasive rappresentano una delle maggiori minacce alla biodiversità della regione. E il rischio di perdere specie endemiche è, quindi, più alto in Antartide a causa delle barche turistiche.

È vero che le barche turistiche riportano alcune specie potenzialmente invasive. Ma non si stanno diffondendo per il momento. L’Antartide rimane “l’ultimo posto al mondo dove non abbiamo specie marine invasive. Quindi abbiamo [ancora] l’opportunità di proteggerlo“, dice Arlie McCarthy.

Per garantire che le nuove specie non disturbino i fragili habitat del Polo Sud, gli scienziati chiedono l’attuazione urgente di regole severe per le navi. Le misure attuali, che consistono nella pulizia degli scafi delle navi, sono in vigore solo in alcuni porti di entrata alle porte del continente.

Il British Antarctic Survey, l’operatore nazionale britannico in Antartide, usa cani da fiuto per cercare ratti o topi a bordo delle navi da ricerca. Ma l’organizzazione ora vuole “migliori protocolli di biosicurezza” e più precauzioni per salvaguardare le acque del sud. Questo significa, per esempio, ispezionare gli scafi delle barche con telecamere e pulirli più frequentemente. Queste misure sono particolarmente importanti di fronte al cambiamento climatico, che suggerisce nuove minacce, come l’aumento della temperatura degli oceani.

Ciò premesso, per determinare il peso del traffico sul continente più meridionale del pianeta e le origini delle navi, i team di ricerca hanno utilizzato dati satellitari e database di navigazione internazionale.

Come risultato, le navi che collegano le parti più isolate dell’Antartide ai 1.500 porti del mondo provengono principalmente dal Sud America e dall’Europa. Lo studio ha anche rivelato che il turismo rappresenta il 67% delle visite ai siti antartici, ben prima della ricerca, che rappresenta il 21%, e della pesca, il 7%.

Secondo l’Associazione internazionale dei tour operator antartici, la stagione 2019-2020 ha visto più di 70.000 persone visitare la regione. Sebbene il turismo sia stato interrotto dalla pandemia di Covid-19, quel numero è aumentato costantemente da quando le prime centinaia di visitatori dal Cile e dall’Argentina sono arrivati nelle isole Shetland meridionali negli anni ’50.

Ma la massificazione dei turisti non è senza conseguenze. “Ovunque vadano queste navi, vediamo altri tipi di impatto umano sull’ambiente, che si tratti di scarico accidentale di rifiuti, inquinamento, collisioni con la fauna selvatica o inquinamento acustico“, avverte Arlie McCarthy.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web