Come affrontare in sicurezza una crociera

Il presidente e amministratore delegato di Royal Caribbean Cruise Lines (RCCL) Richard Fain ha consegnato un altro dei suoi popolari messaggi video qualche giorno fa, rivolgendosi direttamente ai consulenti di viaggio con un appello: aiutateci a raggiungere il nostro pieno potenziale di prenotazione. Fain è stato attivo sul canale YouTube di RCCL dall’inizio della pandemia circa 20 mesi fa, e questo è solo l’ultimo tassello della sua comunicazione.

Il CEO ha fatto una menzione speciale dei suoi dintorni, in piedi fuori dalla sede della linea di crociera per la prima volta invece di filmare nel suo cortile, in quello che è un gradito ritorno alla normalità. Tuttavia, non ha potuto far altro che evidenziare come COVID-19 non sia certo finito.

Non dobbiamo abbassare la guardia. COVID-19 è una malattia perniciosa … e continuerà a produrre varianti che ci irritano“, ha detto. “Ma ora comprendiamo i principali fattori trainanti; sappiamo come controllare la malattia”.

Fain ha sottolineato più volte la gravità del virus, ma ha notato che “non abbiamo bisogno di iniziare ogni chiacchierata con quanto ci manca andare a teatro o al ristorante. Saremo in grado di vivere le nostre vite più normalmente senza maschere e senza panico. E la crociera sarà in prima linea in tutto questo“.

A tal fine, Fain ha notato che le navi da crociera hanno alcuni vantaggi rispetto ai comparabili terrestri, dicendo che le navi possono essere più sicure delle alternative a terra.

Ai consulenti di viaggio, Fain ha detto che è arrivato il momento di smettere di parlare della malattia e di guardare avanti e concentrarsi sull’uscita dalla pandemia. Il suggerimento? Vendere crociere.

“La gente vuole viaggiare. In effetti, direi che hanno bisogno di viaggiare“, ha detto. Pur apprezzando l’aumento delle prenotazioni di RCCL, Fain ha detto che l’aumento delle prenotazioni proviene più da internet e meno dai consulenti di viaggio.

Fain ha detto che è comprensibile, perché la gente si è abituata a comprare le cose online, e i consulenti di viaggio hanno dovuto tagliare il personale e il marketing. “Ora abbiamo bisogno di ricostruire. Quindi i consulenti di viaggio devono fare di più di quello che fate così bene“, ha detto. “Abbiamo bisogno che voi, i nostri partner di viaggio, raggiungiate il vostro pieno potenziale”.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web