Belgio, 3 posti indimenticabili da visitare!

Ti trovi in Belgio e non sai che cosa visitare? Prova iniziando con i campi di battaglia delle Fiandre  intorno a Ypres, che per molte persone sono il motivo principale di viaggio in questo Paese. Non solo storicamente importanti, ma i campi di battaglia sono un importante luogo di pellegrinaggio. Le trincee conservate si estendono per chilometri intorno alla città di Ypres, con questa zona che è è anche disseminata di vasti cimiteri per le migliaia di soldati che vi sono morti. Il Cimitero della Culla del Tyne e il Cimitero di guerra tedesco di Langemark sono entrambi solenni ricordi dei brutali combattimenti che hanno avuto luogo qui durante la Grande Guerra.

Il secondo luogo da visitare è il Gravensteen e il centro storico di Gand .Questa imponente fortezza era un tempo la grande dimora dei conti delle Fiandre, che si ispirarono per la costruzione di castelli che i crociati costruirono in Siria. Oggi, Gravensteen è uno dei migliori esempi di fortezza con fossato rimasto in Europa ed è stato incredibilmente ben conservato. Le sue forti e imponenti mura, spesse e alte, si innalzano dalle acque del fiume Lieve proprio al centro della città vecchia di Gand, sormontando i tetti delle strade circostanti. All’interno, le vaste sale ad arco e le camere contengono reperti di vita medievale, ma è l’architettura stessa del castello il vero protagonista dello spettacolo. Ti basterà salire la scalinata fino al tetto per godere di una vista panoramica sulla città davvero unica nel suo genere!

Concludiamo infine con il Museo di Horta. Victor Horta è stato l’architetto e designer più influente dello stile dei primi anni del XX secolo, conosciuto come Art Nouveau. Molti dei suoi splendidi edifici sopravvivono a Bruxelles e oggi sono patrimonio dell’umanità per l’UNESCO. Inizia proprio dal Museo Horta, situato nella sua ex casa e studio, che sono stati conservati come li ha progettati, con le vetrate originali, i mosaici, la lavorazione del legno e le decorazioni.

Horta è stato un pioniere di questa rivoluzione artistica che ha massimizzato e diffuso la luce naturale e ha incorporato temi della natura nelle sue curve sinuose. L’estetica di Horta comprendeva l’attenzione ad ogni dettaglio di costruzione e decorazione, dal design della casa ai suoi mobili, fino alla decorazione su cerniere e maniglie.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web