Al via l’anno internazionale del turismo sostenibile

Il 1 gennaio 2017 ha preso il via quanto definito dall’ONU come Anno Internazionale del Turismo Sostenibile per lo Sviluppo. Ma in cosa consiste questa iniziativa? E quali sono le importanze che il turismo sostenibile può rivestire per lo sviluppo economico di numerosi mercati internazionali?

Secondo quanto dichiarato dalla stessa organizzazione, il 2017 è stato dichiarato Anno Internazionale del Turismo Sostenibile per lo Sviluppo riconoscendo “l’importanza del turismo internazionale, e in particolare della designazione di un Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo. Un’occasione per sensibilizzare il maggior numero di persone a diffondere consapevolezza del grande patrimonio delle varie culture e nel portare al riguardo un miglior apprezzamento di valori intrinsechi delle diverse culture, contribuendo così al rafforzamento della pace nel mondo”.

Per citare le parole del segretario generale dell’UNWTO, Taleb Rifai, pertanto, il 2017 è un’occasione unica per poter “promuovere il contributo del settore del turismo ai tre pilastri della sostenibilità: economico, sociale e ambientale, e di risvegliare l’attenzione dell’opinione pubblica sulle reali dimensioni di questo importante settore che spesso è sottovalutato”. Ma che cosa è esattamente il turismo sostenibile?

Per quanto di difficile definizione (almeno, sinteticamente!) il concetto di turismo sostenibile è comparso per la prima volta in termini ufficiali sul finire degli anni ’80 (era il 1988), per merito dell’Organizzazione mondiale del turismo (Unwto). Con tale termine si suole generalmente indicare un particolare modo di viaggiare rispettoso dei territori, in grado di non interessare negativamente l’ambiente naturale, sociale e artistico nel quale viene a inserirsi, e senza ostacolare lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche (ma anzi, molto spesso valorizzandole e integrandosi con esse). Si tratta pertanto di una specifica tipologia di turismo di natura non distruttiva, con un basso impatto ambientale e che punta a favorire le economie più in difficoltà. Di contro, all’opposto del turismo sostenibile si suole generalmente riporre il turismo di massa, che non tiene conto delle specificità dei territori e può spesso intervenire negativamente sulle condizioni dei territori.

Al di là dell’intervento dell’ONU, molti tour operator sostengono che il turismo sostenibile possa essere effettivamente una delle principali chiavi di evoluzione del turismo internazionale per il 2017. E voi che ne pensate? Avete mai praticato del buon turismo sostenibile? In quali Paesi del mondo?

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web