Il momento migliore per viaggiare in Islanda

Quando si viaggia in Islanda, si scopre rapidamente che non si può fare molto affidamento sul tempo. Il clima islandese è molto mutevole. E anche se l’estate vede la sua giusta parte di giornate di sole con temperature che a volte salgono a 17°C, in breve le temperature possono altrettanto scendere a 10°C e i paesaggi possono essere improvvisamente avvolti dalla nebbia e dalla pioggia.

Per questo motivo i tuoi piani di viaggio in Islanda potrebbero dover prendere in considerazione i cicli del sole. Anche se quasi tutta l’Islanda si trova a sud del Circolo Polare Artico e quindi non c’è un vero sole di mezzanotte, le notti sono brevi da metà maggio all’inizio di agosto in tutto il Paese; nel nord, il sole non tramonta mai completamente durante il mese di giugno. In inverno, le temperature in Islanda fluttuano a 7-8°C e la luce del giorno è limitata a poche ore – a Reykjavík, il sole non sorge fino a quasi le 11 di dicembre; il sole sta già sprofondando lentamente verso l’orizzonte dopo le 13.

Se si vuole approfittare delle attrazioni turistiche, il periodo migliore per visitare l’Islanda è tra la fine di maggio e l’inizio di settembre, quando la maggior parte dei musei e delle attrazioni sono aperti. Anche viaggiare per l’Islanda è più facile in questi periodi, perché è il periodo in cui gli autobus sono al completo. Tuttavia, se il motivo principale del vostro viaggio in Islanda è quello di vedere l’aurora boreale, allora sarebbe meglio andare tra settembre e gennaio – questo è quando il fenomeno naturale può essere visto in tutto il paese.

Come arrivare in Islanda

Quando visiti l’Islanda, molto probabilmente sarai diretto all’aeroporto internazionale di Keflavík, a circa 40 km a ovest di Reykjavík. Questo aeroporto è collegato da numerosi voli per l’Europa, il Regno Unito, la Scandinavia, gli Stati Uniti e il Canada.

È anche possibile viaggiare in Islanda tutto l’anno via mare con il super-traghetto Norröna delle isole Faroe, che effettua una traversata regolare del Nord Atlantico. Una volta arrivati, le piccole dimensioni dell’Islanda rendono gli spostamenti abbastanza semplici, almeno durante i mesi più caldi. Da Reykjavík è possibile volare o prendere un autobus per tutti i centri principali, e in estate ci sono anche autobus di linea attraverso l’interno.

A terra, probabilmente passerati molto tempo sulla Route 1, o la Ringroad (conosciuta in islandese come Hringbraut), che segue in gran parte la costa in un circuito di 1500 km del paese attraverso Reykjavík, Akureyri, Egilsstaðir e Höfn.

Altrove, sebbene i tratti intorno alle città possono essere asfaltati, la maggior parte delle strade islandesi sono di ghiaia. Mentre molte di queste sono accessibili a tutti i veicoli, alcune – come la maggior parte delle strade attraverso l’interno – sono percorribili solo con veicoli a quattro ruote ad alta visibilità.

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web